Programma

Giovedì 27 settembre

08.30 – 09.30 Registrazione partecipanti e caffè di benvenuto

09.30 – 10.00 Saluti istituzionali

Enrico Giunchiglia – Pro-Rettore dell’Università di Genova
Gianluigi Mancardi
– Presidente Società Italiana di Neurologia
Sonia Viale
– Assessore alla sanità Regione Liguria

Apertura dei lavori

Massimo Mauro – Presidente AISLA
Alberto Fontana – Presidente Fondazione AriSLA
Giambattista Bonanno – Rappresentante MND

II MND meeting e VII AriSLA meeting

10.00 – 10.15 In ricordo di Maria Teresa Carrì

Caterina Bendotti

10.15 -11.15 Lettura magistrale

Presenta: Piera Pasinelli
Pamela Shaw
Un approccio traslazionale nelle neuroscienze per migliorare i risultati nella ricerca sulla SLA e MND: stato dell’arte e prospettive future

 

Sessione 1: Vulnerabilità dei motoneuroni (I): meccanismi di controllo di qualità delle proteine e stress cellulare

Moderatori: Simon Alberti e Valentina Bonetto

11.15 – 11.45 Simon Alberti

Transizioni di fase aberranti: una causa di molte malattie neurodegenerative legate all’età?

11.45 – 12.15 Serena Carra

AriSLA Full Grant Project, Bando 2014
GRANULOPATHY, Il coinvolgimento nella SLA dei guardiani dell’omeostasi delle proteine

12.15 – 12.30 Alessandro Rosa

AriSLA Pilot Grant Project, Bando 2016
StressFUS, Alterazioni della risposta allo stress nei motoneuroni dei pazienti SLA che esprimono la proteina FUS mutata

12.30 – 12.45 Maria Elena Cicardi

L’aggregazione di TDP25 in motoneuroni e cellule muscolari è recuperata dalla sovraespressione delle proteine chaperone

12.45 – 13.00 Francesco Bemporad

La propensione all’aggregazione della profilina-1 umana è correlata alla stabilità di uno stato parzialmente ripiegato e incline all’aggregazione stessa

13.00 – 14.30 Pranzo

13.30 – 14.30 Sessione poster MND meeting, discussione P1-P15

AriSLA poster progetti vincitori Bando 2017 (P42-P47)

Sessione 2: Vulnerabilità dei motoneuroni (II): disfunzioni degli acidi nucleici

Moderatori: Emanuele Buratti e Adriano Chiò

14.30 – 15.00 Fabian Feiguin

AriSLA Full Grant Project, Bando 2014
CHRONOS – Quali sono i meccanismi legati alle alterazioni della proteina TDP-43 che causano la SLA?

15.00 – 15.30 Irene Bozzoni

AriSLA Full Grant Project, Bando 2014
ARCI – Come le alterazioni dell’espressione degli RNA sono coinvolte nell’insorgenza della SLA

15.30 – 15.45 Lara Marrone

Come creare un modello di sclerosi laterale amiotrofica fus-dipendente usando linee iPSc geneticamente modificate

15.45 – 16.00 Paolo Paganetti

Nuove funzioni cellulari per la proteina Tau, associata ai microtubuli: coinvolgimento nelle patologie FTD-ALS

16.00 – 16.30 Coffee Break

 

Sessione 3: ALS-FTD: nuovi aggiornamenti

Moderatori: Valeria Crippa e Davide Trotti

16.30 – 17.00 Davide Trotti

Regolazione della traduzione proteica RAN ed evidenza di propagazione di proteine derivate da sequenze dipeptidiche ripetute associate alla mutazione del gene C9orf72

17.00 – 17.30 Dieter Edbauer

Uno sguardo da vicino alla patologia poly-GA nella SLA associata alla mutazione di C9orf72

17.30 – 17.45 Veronica Castelnovo

La progressione dei disturbi comportamentali e cognitivi nella malattia del motoneurone

17.45 – 18.00 Cristina Moglia

L’attività sportiva e il metabolismo cerebrale nella sclerosi laterale amiotrofica: uno studio 18F-FDG-PET

18.00 – 19.00 Sessione poster MND Meeting, discussione P16-P27

Valutazione miglior poster AriSLA (P48-P57)

19.00 – 20.00 Aperitivo

 

Venerdì 28 settembre
Sessione 4: Altri target coinvolti nella SLA (I): glia e sistema immunitario

Moderatori: Stanley Appel e Marco Milanese

08.30 – 09.00 Laura Ferraiuolo

Utilizzo degli astrociti derivati dal paziente per approcci di medicina di precisione

09.00 – 09.30 Stanley Appel

Soppressione della neuroinfiammazione nella SLA: la terapia cellulare diventa maggiorenne

09.30 – 09.45 Marta Fumagalli

AriSLA Pilot Grant Project, Bando 2016
GPR17ALS – Sperimentazione di nuove strategie per ritardare la degenerazione neuronale con farmaci attivi sul recettore GPR17

09.45 – 10.00 Stefano Garofalo

Le cellule NK provocano infiammazione e morte dei motoneuroni nella sclerosi laterale amiotrofica

10.00 – 10.15 Nora Markus

Gefitinib: una nuova strategia terapeutica nella SLA mediante l’utilizzo dell’intelligenza artificiale

10.15 – 10.45 Coffee Break

 

Sessione 5: Altri target coinvolti nella SLA (II): dal cervello al muscolo

Moderatori: Giovanni Nardo e Ludo Van Den Bosch

10.45 – 11.15 Ludo Van Den Bosch

Correzione dei difetti di trasporto assonale nei motoneuroni derivati ​​da pazienti affetti da SLA

11.15 – 11.45 Antonio Musarò

L’interazione fisiopatologica tra muscolo e nervo nella SLA

11.45 – 12.00 Tania Zaglia

AriSLA Pilot Grant Project, Bando 2016
SNop, Modulazione tramite tecniche di optogenetica dei nervi motori per comprendere i meccanismi dell’atrofia muscolare e della neurodegenerazione nella SLA

12.00 – 12.15 Stefania Marcuzzo

Ipereccitabilità nei neuroni G93A-SOD1: registrazioni multi-elettrodo e aspetti molecolari e morfologici

12.15 – 12.30 Tiziana Petrozziello

La SOD1 previene la morte neuronale indotta dalla neurotossina beta-metilamino-L-alanina, prodotta da cycas, mediante la modulazione di target presenti sulla membrana cellulare e coinvolti nell’omeostasi del calcio intracellulare

12.30 – 12.45 Tiziana Bonifacino

Effetti benefici dovuti alla riduzione dell’espressione del recettore metabotropo di tipo del glutammato sulla progressione della SLA

12.45 – 14.30 Pranzo

13.30 – 14:30 Sessione poster MND Meeting, discussione P28-P41

Sessione 6: Nuove terapie

Moderatori: Antonio Musarò and Jared Sterneckert

14.30 – 15.00 Stefania Corti

Terapia con cellule staminali nella SLA: sfide e prospettive

15.00 – 15.30 Maria Grazia Biferi

Strategie di terapia genica per il trattamento delle malattie dei motoneuroni

15.30 – 16.00 Alexander McCampbell

Oligonucleotidi antisenso come terapie emergenti per il trattamento delle malattie del motoneurone

16.00 – 16.15 Silvia Bonanno

FM19G11 mantiene l’integrità strutturale della barriera ematoencefalica e limita la sovraespressione di p-gp riducendo la tossicità degli astrociti in modelli cellulari in vitro di derivazione umana di sclerosi laterale amiotrofica familiare e sporadica

16.15 – 16.30 Germana Cocozza

Canali al K+ attivati dal calcio modulano la microglia influenzando la sopravvivenza dei motoneuroni in topi hSOD1G93A

16.30 – 17.00 Coffee Break

17.00 – 17.15 Premiazione Migliori Poster AriSLA e MND

17.15 – 18.15 Meeting Highlights

Presenta: Angelo Poletti
Piera Pasinelli
Ricerca sulla SLA: cosa abbiamo imparato fino ad ora e cosa pensiamo di fare in futuro

Domande dal pubblico

 

Sabato 29 settembre

Workshop MND e 29°meeting AISLA

Apertura dei lavori: Marco Bucci, Sindaco della città di Genova

08.30 – 09.30 Lettura Magistrale

Presenta: Claudia Caponnetto
Jonathan D. Glass
Le sfide che affrontano i ricercatori nella lotta contro la SLA

09.30 – 12.30 Sessioni parallele

Sessione 1 MND Workshop: Modelli avanzati nella ricerca sulla SLA

Moderatori: Caterina Bendotti e Antonia Ratti

09.30 – 10.15 Nicol Birsa

Nuovi modelli murini di SLA

10.15 – 11.00 Jared Sterneckert

Studiare la SLA utilizzando le cellule staminali pluripotenti indotte (iPS)

11.00 – 11.30 Coffee break

11.30 – 12.15 Federica Agosta

Nuove conoscenze sulla neurodegenerazione utilizzando la Risonanza Magnetica

12.15 – 13.00 Marc Emmenegger

Profilazione immunitaria “high throughput” in una coorte ospedaliera non selezionata – epidemiologia degli autoanticorpi naturalmente presenti

Sessione 2 AISLA: La Ricerca clinica sulla SLA – Incontro con i pazienti

Moderatori: Claudia Caponnetto e Piera Pasinelli

09.30 – 10.30 Vincenzo Silani

Metodologia e strategie per lo sviluppo di Trial Clinici efficaci nella SLA

10.30 – 11.00 Coffee break

11.00 – 12.00 Strategie per acquisire dati utili alla ricerca e allo sviluppo di terapie efficaci

Mario Sabatelli – Biobanca Nazionale SLA
Giancarlo Logroscino – Registro Nazionale SLA

12.00 – 13.00 Edaravone: l’ultimo farmaco introdotto in Italia per i pazienti SLA

Christian Lunetta – Stato dell’arte e punto di vista dei pazienti ad un anno dalla somministrazione

Conclusioni di Mario Melazzini
La ricerca, percorsi autorizzativi e le ricadute per la comunità dei pazienti